Provinciali

 

maxartis

L’idea alla base questo portfolio nasce all’incirca quattro anni fa. Esso è il frutto e il punto di convergenza di esperienze e necessità diverse, che solo nel settembre del 2006 hanno preso una forma definitiva nelle mie intenzioni, e hanno dato origine a questa ricerca fotografica. 

 

Nasco, sono cresciuto e vivo tutt’ora in una piccola città quale è Modena, e da sempre 
ass
"respiro” quell’aria di provincia che la pervade. Soprattutto negli ultimi anni, ho sentito la necessità e il desiderio di raccontarne la vita più intima, di cercare dicoglierne le atmosfere e le tracce, e di farne un racconto per immagini. Quest’atmosfera si percepisce soprattutto nel centro storico della città, dove prevalentemente si svolgono questi "rituali” sempre uguali, che rendono senza tempo e senza un volto queste emozioni. 

prov
La vita di provincia non è fatta di attori protagonisti, non vi è spazio in essa per blasoni ne nomi altisonanti. E’ invece costituita, oserei dire si nutre di presenze silenziose, sfuggenti, che attraversano la scena come meteore senza un nome. Queste flebili tracce di vite ordiscono trame apparentemente casuali e disordinate, sullo sfondo della città che immobile osserva e allo stesso tempo accoglie come una madre i suoi figli. 

prov3
Si svela così davanti ai nostri occhi quel legame profondo e indissolubile, che lega sempre di più nel tempo, gli uomini a questo tipo di vita. Osservando le persone più anziane è possibile vedere come ormai questo sia in essi radicato, e come nei più giovani si notino solo le prime tracce di questa inevitabile attrazione.

 

In una società globale che cambia molto velocemente, e con essa l’aspetto e la vita nelle città, osservare questo perpetrarsi del provincialismo, trasmette immediatamente un profondo brivido di piacere e infonde un senso di sicurezza. In fondo queste sensazioni pervadono la mia persona, e hanno focalizzato la mia attenzione alla ricerca di esse

 

Visualizza il Portfolio