27/10/2020

Felice, da qualche parte tra le nuvole

Roberto Carnevali - Da qualche parte tra le nuvole - val Saisera

A volte mi capita di vagare tra sentieri e deboli tracce per un'intera giornata.

Sovente sono giornate pianificate a tavolino, percorsi definiti, un incarico fotografico da portare a termine con obiettivi ben precisi. Ma in montagna più che in ogni altro luogo è il meteo a farla da padrone, e decide se e dove lasciarti passare, e cosa farti vedere e cosa no.

Così una mattina che inizia sotto una pioggia battente e nuvole basse fino giù a valle sai già che non ti porterà nulla di quello che avresti voluto vedere. Soprattutto se tutte le previsioni meteo concordano che il tempo non cambierà per tutta la giornata.

Puoi fare solo due cose: o rimani a valle e aspetti una giornata migliore, o metti in conto di prendere l'acqua e parti lo stesso. A volte anch'io scelgo la prima soluzione, più comoda, facile, sicura.

Ma quando trovo la forza di andare lo stesso, so già che prima o poi mi fermerò in un qualche posto a riposare e godermi il panorama. E manderò un messaggio a casa che dice: "sono felice, da qualche parte tra le nuvole".

Nella fotografia una cresta sbuca dalle nuvole nel gruppo dello Jof Fuart in Val Saisera.


Pubblicata dal 27/10/2020